PIASTRA LISCIANTE/gli errori da non fare. Decalogo per avere capelli lisci ed in forma

_T0A5947

Avere i capelli lisci, sempre in ordine e senza l’effetto “stamattina ho fatto tardi” è un must per molte donne che ricorrono quasi quotidianamente all’utilizzo della piastra per capelli.

Se usata bene la piastra lisciante non danneggia i capelli ma appunto, occorre un pizzico di attenzione e bisogna seguire i consigli  dell’esperto in questo caso il maestro delle acconciature raccolte Filippo Sepe:
1: per fare un buon lavoro serve un buon attrezzo. Se potete dunque, fatevi consigliare dal vostro consulente di bellezza o parrucchiere che certamente si tiene aggiornato sulle tipologie di ferri in circolazione e sulle innovazioni tecnologiche.

La regola generale da seguire consiste nello scegliere una piastra con placche in ceramica a emissione di ioni.

Questo tipo di piastre mantiene il capello in salute permettendogli di conservare lucentezza ed elasticità nonostante la stiratura, inoltre emettendo ioni negativi eliminano l’elettricità statica permettendo una stiratura più efficace e duratura.

2: le dimensioni contano! Se abbiamo capelli molto spessi scegliamo un piastra più larga (4-5 cm) se invece i nostri capelli sono più fini optiamo per un attrezzo dalle placche più strette.

3: attenzione alla temperatura. Può sembrare quasi superfluo come consiglio ma in realtà molto spesso facciamo l’errore di utilizzare la nostra piastra lisciante ad una temperatura troppo alta rispetto al nostro tipo di capello o troppo bassa e questo ci costringe a ripassare più volte!

4: asciughiamo molto bene i capelli prima di passare la piastra. Anche se abbiamo fretta secchiamo bene i capelli, meglio se all’aria evitando il phon per non creare l’effetto calore+calore.

Passare la piastra sui capelli umidi causa un surriscaldamento improvviso e troppo rapido del fusto, lo shock termico che ne consegue fa spezzare i capelli e crea le doppie punte.

5: utilizzare un prodotto specifico è necessario. Non farlo significa scegliere deliberatamente di rovinare i nostri capelli. Utilizziamo quindi un buono spray termoattivo meglio se all’acido ialuronico e cheratina che nutre i capelli mentre li protegge.

Lo spray termo attivo _T0A6163creerà un film protettivo su radici e lunghezze proteggendole dagli shock termici.

6: A proposito di spray termo protettivo è bene ricordare che il prodotto si deposita sui nostri capelli e naturalmente anche sulla piastra. I residui di spray sulle placche potrebbero bruciare e diventare appiccicosi, quindi puliamole bene prima di ogni utilizzo con un batuffolo d’ovatta e un prodotto delicato.

7: pettiniamo bene i capelli. Eliminare ciocca per ciocca tutti i nodi permetterà alla piastra di scivolare meglio evitando l’effetto crespo.

8: attenzione al movimento che facciamo quando stiriamo le ciocche. Non tiriamo verso il basso, anche se ci sembra il movimento più naturale da fare, partiamo sempre dalle radici e, al posto di arrivare alle punte seguendo la gravità, proviamo a direzionare la piastra verso l’alto con un angolo di 45°, in questo modo avremo i capelli lisci evitando l’effetto piatto.

9: lasciamo “raffreddare” i capelli. Prima di fare una coda o mettere forcine e fermagli nei capelli aspettiamo che abbiano perso il calore della stiratura, contrariamente prenderanno la piega delle forcine o degli elastici e l’effetto liscio svanirà in fretta.

Benvenuta primavera! Come aiutare i nostri capelli nel cambio di stagione

SHOOTING KHT 2014 SECONDO GIORNO0709

SHOOTING KHT 2014 SECONDO GIORNO0786Benvenuta primavera! Smettiamo i cappotti, e i lunghi maglioni ma soprattutto diciamo addio ai berretti di lana che per tutta la stagione invernale hanno dato alla nostra frangia l’effetto “crazy”, eppure i nostri capelli non sembrano gradire l’inizio della primavera e iniziano a cadere!

Sebbene il fenomeno si ripeta ogni anno con regolarità, puntualmente ci spaventa temendo che la caduta non si arresti finendo per renderci calve.

Naturalmente non accadrà, il defluvio telogenico ovvero la caduta momentanea di molti capelli, è un fenomeno assolutamente normale nei cambi di stagione. Dal punto di vista genetico e medico ancora non si ha una spiegazione certa, sicuramente svolgono un ruolo decisivo gli sbalzi ormonali dovuti al cambio di temperature e ore di luce che provocano una sorta di stress al nostro organismo il quale reagisce con la perdita di capelli.

In ogni caso per evitare una perdita eccessiva di capelli durante il cambio di stagione soprattutto nel passaggio dall’inverno alla primavera ovviamente gioca un ruolo fondamentale la prevenzione.

Il primo passo è utilizzare una maschera protettiva e rimandare di una settimana o due i trattamenti di colorazione, questo anche perché il colore potrebbe subito diventare opaco e la ricrescita subito evidente proprio a causa dell’accellerazione del ricambio dei capelli dovuto agli sbalzi ormonali cui abbiamo già accennato. Non meno importante è l’alimentazione: in questo periodo gli alimenti da preferire sono quelli ricchi di ferro come legumi, alcuni crostacei come il calamaro, gli spinaci, la rucola ma anche la frutta secca poiché grazie agli antiossidanti e alle vitamine essenziali e minerali aiutano i capelli a ricrescere più rapidamente, migliorando l’ossigenazione dei tessuti e quindi anche del cuoio capelluto.

Tra gli altri alimenti utili alla cura dei nostri capelli ci sono sicuramente i cereali, il riso, le patate in quanto fonte di acido folico e biotina che prevengono la caduta del capello, mentre le vitamine A, C ed E contenute in pesche, albicocche, avocado, fragole, kiwi,  formaggi, cavoletti di Bruxelles, peperoni verdi, pomodori, uva e ribes sono perfetti per rendere i capelli più corposi e contrastarne l’indebolimento.

Insomma il benessere dei nostri capelli viene anche “da dentro” oltre che dall’uso dei prodotti giusti meglio se testati. L’ideale è farci consigliare dal nostro parrucchiere che sceglie e testa personalmente i prodotti che poi utilizza nel suo salone!

CURA DEI CAPELLI/semi di moringa per i capelli lunghi

Moringa

moringa-in-capsule

La moringa è un albero che cresce soprattutto nelle zone tropicali, in centro America e viene definito l’albero miracoloso per il gran numero di caratteristiche positive che ha e che si dice servano a curare moltissime patologie dalla febbre, alla cattiva digestione ai problemi del metabolismo a quelli di pelle e cuoio capelluto.

La moringa è utilizzabile in ogni sua parte dai semi, alle radici, alle foglie; e sono soprattutto queste ultime a contenere la maggior parte delle sostanze benefiche: circa il triplo del potassio presente nelle banane e addirittura otto volte la vitamina C normalmente presente nelle arance.

Le foglie, sono ricche di tutte le vitamine del gruppo “B”, di vitamina “K”, di vitamina “A” ricca di antiossidanti che protegge la membrana delle cellule dall’invecchiamento e di vitamina “E” utile per la pelle soprattutto quella grassa e acneica.

Un vero toccasana insomma che si può aggiungere all’insalata perché le foglie di moringa sono anche molto gustose ed è possibile consumarle sia crude che cotte.

Anche i semi della pianta hanno innumerevoli virtù e circa 46 aminoacidi! Dai semi si ricava un olio pastoso che ha una caratteristica speciale: non irrancidisce. Questo lo rende perfetto per proteggere, grazie agli antiossidanti, la nostra pelle  e anche i nostri capelli.

In particolare l’olio rafforza il fusto dei capelli e lo protegge dagli agenti esterni, la sua capacità di migliorare il micro-circolo sanguigno lo rende un alleato contro la caduta dei capelli soprattutto quella causata dallo stress e dalla mancanza di vitamine e minerali dovuta alla nostra alimentazione sempre più povera di vegetali.

La vitamina “E” utilizzata già in molti prodotti contro la secchezza dei cuoio capelluto e la forfora, come abbiamo detto abbonda nei semi e dunque nell’olio di moringa, per cui è particolarmente utile in tutti quei casi in cui i capelli sono secchi e sfibrati.

I capelli lunghi, soprattutto in inverno, subiscono molto gli shock termici e l’effetto del freddo con il risultato di un indebolimento del follicolo e la conseguente caduta dei capelli.

Con prodotti a base di moringa possiamo aiutare il nostro organismo e i nostri capelli a combattere il freddo e le sue conseguenze.

Niente male per un albero “miracoloso” no?